Aste immobiliari, come partecipare

Chi può partecipare?

Persone fisiche, società e associazioni.

E’ necessaria l’assistenza di un professionista o di un mediatore immobiliare?

No, la partecipazione all’asta non è particolarmente complicata ed è possibile chiedere informazioni al personale dello studio Bortoluzzi. Il notaio è poi direttamente responsabile della regolarità della vendita e a lui spetta il controllo della documentazione al fine di valutare la vendibilità del bene sotto tutti i profili (ipotecari, catastali, urbanistici) e a prevenire eventuali irregolarità o abusi.

Come si partecipa?

Si consiglia di leggere l’avviso di vendita pubblicato dal professionista e seguire le istruzioni indicate; comunque è necessario compilare una domanda in marca da bollo e allegare un assegno pari al 10% dell’offerta. Le altre somme necessarie sono richieste successivamente all’eventuale aggiudicazione.

E’ possibile accedere a un mutuo per pagare l’immobile?

Sì sul sito del Tribunale e presso lo studio notarile potrete trovare un elenco di banche che hanno stipulato convenzione con il Tribunale rendendosi disponibili a queste operazioni. Lo studio notarile Bortoluzzi presterà tutta l’assistenza necessaria al buon fine della pratica di mutuo.

Queste le indicazioni principali. Siamo comunque a disposizione per ulteriori chiarimenti ed informazioni presso lo studio notarile.

Per i Signori Avvocati

Si prega di non insistere nel chiedere ragguagli scritti o verbali  in ordine alle udienze tenute relative alle operazioni di vendita. E’ onere delle parti di partecipare agli incanti personalmente. Lo Studio non dà dunque informazioni circa l’esito delle gare e la indizione di nuove gare che sono comunicate a’ sensi di legge. I documenti versati negli atti di causa sono depositati in cancelleria e sono comunque accessibili tramite consultazione del fascicolo telematico da noi aggiornato per quanto concerne l’attività delegata. Lo Studio detiene comunque solo copie dei documenti necessari all’espletamento delle operazioni delegate.

Si informa che  seguito dell’approvazione del D.L. 83/2015 convertito in Legge 132/2015 i Magistrati dei Tribunali di Busto Arsizio e Varese hanno sospeso le attività di vendita e si sono riservati di conferire nuove deleghe conformi al nuovo dettato normativo.